Sei in » Attualità
09/05/2017 | 13:10

Hanno ben figurato quattro studenti salentini alle Olimpiadi di Matematica, le cui finali si sono svolte a Cesenatico. Si tratta di medaglie d'argento e menzioni d'onore. Nella finale di queste Olimpiadi contano soprattutto capacità di problem solving e creatività.


Le olimpiadi di matematica svoltesi a Cesenatico


Dall'Italia. Circa 1.200 le studentesse e gli studenti provenienti da tutta Italia che si sono sfidati per il podio giovedì e venerdì, a Cesenatico, in occasione della fase finale delle Olimpiadi di Matematica. Due giorni di gare a colpi di formule, espressioni algebriche, calcoli aritmetici, ma anche capacità di problem solving e creatività. Le partecipanti e i partecipanti erano in quasi 250.000 ai nastri di partenza. Risultano ben cinque, nel complesso, gli studenti salentini che hanno meritato l’ammissione alla finale nazionale tra circa 130 candidati. A comunicarci l’ottimo risultato, ottenuto dagli allievi del territorio, è la prof.ssa Maria Giuseppina Greco, responsabile provinciale delle Olimpiadi di Matematica. “Occorre incoraggiare stage e iniziative del genere per i ragazzi, incentivandoli a mettersi in competizione. Un qualcosa che funga da stimolo, insomma”. Medaglia d’argento per Matteo Protopapa, del Liceo “Stampacchia” di Tricase. Medaglia d’argento anche per Stefano Nuzzo del “Banzi” di Lecce. Menzione d’onore, invece, per Fabio Del Tufo del “Quinto Ennio” di Gallipoli e Giovanni De Martino, sempre dello “Stampacchia”. Presente anche un altro ragazzo, Carlo Simone, il quale è riuscito ad accedere alle finali ma solo per un soffio non ha ottenuto alcuna premiazione (sebbene lo scorso anno ottenne comunque la menzione d'onore). “Menzione d’onore – tiene a precisare la prof.ssa Greco – significa ricevere un rinconscimento per essere riusciti a risolvere un problema per intero. Da ricordare che questi ragazzi entreranno di diritto nell'Albo di eccellenza del MIUR e riceveranno un premio a seconda della posizione ottenuta”.

Le Olimpiadi di Matematica sono gare individuali e a squadre rivolte a tutte le ragazze e i ragazzi dell’ultimo triennio delle scuole secondarie di secondo grado. La competizione è promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione – ed è organizzata dall’Unione Matematica Italiana. Queste Olimpiadi rientrano nel Programma nazionale di valorizzazione delle eccellenze del Miur. Due le categorie di gara: individuale (alla XXXIII edizione) e di squadra (alla XVIII edizione). Per la gara individuale sono stati quasi 250.000 le studentesse e gli studenti coinvolti nelle precedenti fasi di selezione (di istituto e distrettuale). Di questi in 300 si sono classificati per la finale a Cesenatico. Per la conquista del titolo le ragazze e i ragazzi hanno dovuto affrontare la soluzione di sei problemi, senza l’utilizzo della calcolatrice. Si tratta di sei esercizi su algebra, geometria e calcolo della probabilità. Conta la destrezza con i numeri e le formule, ma anche la capacità di problem solving e la creatività.

Per la gara a squadre, invece, le formazioni in competizione per il titolo sono state 126, ciascuna da 7 studentesse e studenti (882 in totale per quest’ultima fase di selezione). Tra di loro anche quattro squadre invitate da Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania e Ungheria (i cui risultati saranno fuori classifica). A ciascun team è stato chiesto di risolvere per la finale 24 problemi nel minor tempo possibile. Tutte le prove delle gare sono state preparate dalla Commissione Olimpiadi dell’Unione Matematica Italiana. “Sarebbe bello che si incentivassero molto le gare a squadre – sottolinea la prof.ssa Greco – poiché permetterebbe ai componenti del team di raggiungere un livello uguale di preparazione, proprio grazie al lavoro svolto assieme”.

Le alunne e gli alunni primi classificati affronteranno nelle prossime settimane un’ulteriore selezione: i primi 6 parteciperanno alle Olimpiadi Internazionali di Matematica (IMO) che si terranno quest’anno a Rio de Janeiro, in Brasile, a luglio.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |